giovedì 8 marzo 2007

io qualcosa nella mia vita non lo rifarei




L'altro giorno stavo leggendo Go online o internet magazine, che dir si voglia, mentre con l'orecchio ascoltavo la televisione, si lo so è strano ma quello stavo facendo, e improvvisamente il giornalista in questione chiede all'intervistata "cosa non rifaresti più" e lei tronfia risponde "rifarei tutto, perchè non sarei così se non avessi fatto gli errori che ho fatto".



Bella risposta, per la televisione deve esser un must visto che non ho mai sentito uno dire, bè quella caxxata li non la farei più di sicuro.



Io qualche caxxata non la farei più, tra le diverse che ho portato a termine, niente di grave intendiamoci però potendo tornare indietro...... me le eviterei.



La cosa che più di tutto però rivedrei nella sua interezza è lo studio dell'inglese, e si che ero partito bene per i miei tempi. Sopra il mio negozio c'era l'Associazione Italo-Brittanica e i miei genitori mi avevano iscritto al corso basic già alle elementari, ma durò poco forse non ero portato o forse non so ma terminai velocemente l'esperienza. A scuola avevamo pure cominciato a studiare l'esperanto, (knabino e knabina bambino e bambina sono le uniche due parole che ricordo). Alle medie ricominciai e con le superiori si andò avanti, ma il mio inglese è sempre rimasto "english survivor" non ho mai approfondito, sono sempre rimasto li mi dibatto in questo,come viene definito oggi, "Globish" insomma direi che fa parte del mio personaggio mi arrangio.



Mia moglie che parla correntemente otre l'italiano, l'inglese il francese ed il tedesco è uno schiaffo morale giornaliero al mio rimorso di non aver imparato almeno l'inglese decentemente.



Sicchè quando mia figlia ha scelto le scuole superiori, il mio unico consiglio è stato impara bene almeno una lingua straniera. Lei, come la mamma, è una che studia, tanto da avere la media per la borsa di studio, oltre ad un 9 di Inglese, un 8 di francese si permette il lusso di avere un 10 in economia. (daddy's proud)



I nostri rimpianti ce li portiamo dietro per tutta la vita, si che non è mai troppo tardi per imparare, vero, ma la vita ci offre troppe scuse per non farlo, il lavoro, gli impegni, la stanchezza le altre mille cose urgenti, alla fine ti ritrovi sempre con tuo Globish perchè alla fine mi basta quel poco, per il mio lavoro è sufficente e se proprio ho bisogno, l'aiuto è sempre troppo vicino per avere stimoli a continuare.



Quindi per certificare la mia conoscenza dell'inglese l'unica massima che ricordo in questa lingua era riportata su una maglietta di Lucky Lucchinelli Campione del mondo della 500 (moto) ai tempi della mia adolescenza
"a day without sex is like a day without sunshine"









Enjoy life












4 commenti:

Jill ha detto...

e pensa che se fossi ferrarese avresti dovuto scrivere > ze buch is on ze teibol
per qualche oscuro motivo chi ha un'età compresa fra i 35 e i 55 anni pronuncia in questo strano modo THE ... e non c'è verso di far loro capire che è sbagliato, forse un insegnante scarso che prima di pensionarsi ha fatto danni? (io mi sono salvata perché ero a Genova ;-) )

Liùk ha detto...

ze buch non è male:) a proposito c'è ancora quella bella trattoria gestita tutta da donne con la lavagna grande sopra il banco al centro sotto portici davanti a monumento di savanarola?

Jill ha detto...

ti dirò, ristoranti ne ho testati tanti ... ma questo mi manca!!!
cercherò di aggiornarmi ;-)

Liùk ha detto...

aspetto una tua verifica al locale